Come far passare la febbre: i nostri consigli e i rimedi naturali da adottare

La febbre (o piressia), nonostante i suoi sintomi fastidiosi, non è una malattia, bensì un sintomo e un meccanismo di autodifesa temporaneo che aiuta il nostro corpo nella lotta contro le infezioni (virus, batteri), ma non solo. In generale si presenta come una risposta a condizioni patologiche e potenzialmente pericolose per l’organismo stesso.

L’aumento della temperatura corporea, infatti:

  1. Accelera il metabolismo.
  2. Favorisce la produzione di energia.
  3. Potenzia il sistema immunitario.

La normale temperatura corporea umana è di circa 37 gradi centigradi. Al di sopra di tale temperatura possiamo parlare di febbre, nelle sue varie intensità (febbricola, moderata, elevata, iperpiressia).

In questo articolo vedremo come far abbassare la febbre tramite una giusta alimentazione e alcuni semplici accorgimenti tradizionali, ma anche quali sono i sintomi tipici della febbre moderata o alta, e per ultimo, ma non meno importante, qual è il rimedio naturale più famoso ed efficace nel trattamento degli stati febbrili.

Come far scendere la febbre: alimentazione e segreti della nonna

Alimentarsi in un modo diverso rispetto ad ogni giorno è il classico rimedio della nonna per far abbassare la febbre. In caso di febbre è infatti consigliata l’assunzione di:

  • Cibi leggeri, in bianco, conditi al massimo con un filo d’olio d’oliva, come per esempio riso integrale bollito, carote o finocchi anch’essi bolliti, cosicché da ricevere una giusta dose di calorie, ma senza affaticare l’organismo durante la fase digestiva.
  • Molti liquidi, in forma di brodi vegetali, passati di verdura, spremute di agrumi, tè, camomilla, tisane (sono indicate salice, sambuco, eucalipto, tiglio e zenzero).
  • Frutta e verdura di stagione, che apporteranno velocemente quantità preziose di vitamine e sali minerali.

Altri tipici segreti delle nostre nonne in caso di febbre sono:

  • Riposare. Oggigiorno, per esempio, tendiamo a continuare a lavorare anche in caso di febbre, come se niente fosse. Tuttavia il riposo favorisce la guarigione, perché le nostre energie non andranno sprecate, ma saranno impiegate per curare il problema che ha dato origine alla temperatura alta. È necessario riposare in un ambiente fresco e ben arieggiato, ben coperti, ma non troppo.
  • Bere molto. In questo modo elimineremo più velocemente le tossine attraverso la sudorazione e regoleremo la nostra temperatura corporea.
  • Astensione da alcolici e fumo.

Sintomi della febbre alta: quali sono i principali

I sintomi più comuni della febbre sono:

  • Generalizzata spossatezza.
  • Mal di testa e irritabilità.
  • Sudorazione (o diaforesi).
  • Volto arrossato.
  • Brividi, fino anche a battere i denti.
  • Dolori muscolari.
  • Nausea, e in taluni casi anche vomito.

E nel caso di febbre molto alta, ovvero febbre 40 gradi o superiore:

  • Stato confusionale.
  • Allucinazioni.
  • Convulsioni.

Se la febbre non scende, bisogna preoccuparsi?

Come appena accennato, l’iperpiressia può spaventare a causa delle conseguenze che porta nell’ammalato: confusione mentale, convulsioni e persino allucinazioni. Tuttavia la febbre, generalmente, non è di per sé pericolosa.

Bisognerebbe, però, stare molto attenti nel caso di temperature che superino 40 gradi in neonati e bambini molto piccoli, perché questo livello di febbre molto alta potrebbe avere in questi soggetti delle conseguenze anche molto gravi (persino il decesso).

Bambini di pochi giorni o mesi raramente si ammalano, perciò una febbre così alta potrebbe essere segnale di un’infezione importante.

Nel caso di neonati e bambini molto piccoli con febbre altissima cosa fare, quindi? Non bisogna aspettare, bensì contattare il prima possibile il nostro pediatra di fiducia, che deciderà il da farsi.

Nel caso di adulti, invece, la febbre sopra i 40 gradi potrebbe essere limitata attraverso l’assunzione di farmaci antipiretici e l’applicazione di spugnature e bagni d’acqua tiepida, ma, in caso di febbre elevatissima e prolungata, è sempre buona norma consultare un medico.

Rimedi naturali contro la febbre: come far abbassare la febbre rapidamente

Già i popoli antichi conoscevano rimedi per la febbre naturali e di facile reperimento.

Il più famoso di tutti (conosciuto per secoli da sumeri, egizi, greci e persino nativi americani) era l’estratto di corteccia di salice, idoneo ad abbassare la febbre rapidamente e curare mal di testa e reumatismi.

Oggi di sicuro sarebbe alquanto arduo attendere i tempi lunghi di guarigione con dei rimedi naturali, per questo, infatti, sono state realizzati dei farmaci che possono aiutare a recuperare lucidità e salute più rapidamente.

Attualmente l’acido acetilsalicilico è il principio attivo dell’aspirina. Grazie alle sue proprietà analgesiche, antinfiammatorie e antipiretiche, l’Aspirina allevia dolori e infiammazioni, ed è tra i farmaci più famosi e usati al mondo per il trattamento degli stati febbrili.

Tra i rimedi della nonna, ancora molto utilizzati, per far abbassare la febbre rapidamente, c’è quello di strofinare il corpo con un panno bagnato di alcool.

Se a questo ci aggiungi una cura alimentare a base di verdure fresche, tanta vitamina C e dei bagni caldi con magari degli estratti di Aloe, di sicuro riuscirai a farti passare la febbre più rapidamente.

Prodotti consigliati