I migliori prodotti per ovaio policistico

L'ovaio policistico rappresenta uno dei più frequenti disordini delle donne in età riproduttiva.

Si caratterizza per la presenza di follicoli inattivi, di piccole dimensioni, chiamati micro- cisti.

Nella maggior parte dei casi questo disturbo non comporta ripercussioni in ambito riproduttivo o metabolico.

Le manifestazioni che caratterizzano maggiormente la sindrome da ovaio policistico sono:

  1. Disfunzioni ovulatorie;
  2. Iperandrogenismo;
  3. Presenza di ovaie con aspetto policistico durante l’ecografia.

Per approfondire le cause, i sintomi e i rimedi dell’ovaio policistico continua a leggere l’articolo.

Sindrome dell’ovaio policistico: cos’è e quali sono le cause

La caratteristica principale della sindrome da ovaio policistico è l’ingrossamento delle ovaie e la presenza di cisti ovariche multiple.

È una malattia molto comune tra le donne in età riproduttiva che colpisce il sistema endocrino, determinando un accumulo di cisti liquide nelle ovaie.

Uno dei principali problemi della sindrome, come vedremo, è l’irregolarità o assenza delle mestruazioni, spesso correlata con l’impossibilità di avere figli.

Questa sindrome rappresenta, infatti, una delle cause principali di infertilità femminile a causa dei livelli anomali di prolattina e testosterone.

La natura di questo disturbo può essere metabolica o ereditaria e, in casi più rari, può essere associata ad altre patologie.

Le cause vere e proprie di questo disturbo sono generalemente sconosciute, ma medici e scienziati sono concordi nell’affermare che tra i fattori metabolici più ricorrenti troviamo l’insulino- resistenza, ovvero la ridotta capacità di captare l’ormone che sfocia nell’iper- insulinemia.

Per questo motivo si nota una prevalenza di sindrome dell’ovaio policistico in donne in sovrappeso o in situazione di obesità.

Vediamo quali sono i principali sintomi con cui si manifesta l’ovaio policistico.

Sindrome ovaio policistico: sintomi principali

I primi sintomi di ovaio policistico possono presentarsi anche molto presto, in correlazione con la comparsa del ciclo mestruale.

Una caratteristica di questo problema è che l’ovaio e il surrene producono una maggiore quantità di androgeni che determina anche la comparsa di segni fisici quali:

Come abbiamo visto, l’obesità e il sovrappeso sono considerate una causa di questo disturbo, ma in realtà rappresentano anche un sintomo.

Questo accade perché chi soffre di ovaio policistico ha un’alterazione del metabolismo che comporta principalmente la tendenza ad aumentare di peso.

Oltre al sovrappeso, il primo sintomo che può azionare un campanello d’allarme è il ciclo mestruale irregolare, sia nel caso di un ciclo molto lungo che in quello di uno molto breve.

In alcuni casi, può capitare che il ciclo si interrompa del tutto, con assenza di mestruazioni per oltre tre mesi. In queste circostanze si parla di amenorrea.

 

Un altro sintomo importante è la peluria eccessiva, specialmente su viso, schiena e addome. Questo è un sintomo molto ricorrente, quasi il 70% delle donne lo manifesta.

Molte donne hanno, inoltre, problemi di alopecia, la perdita di capelli dovuta all’eccessiva produzione di testosterone.

Come accennavamo, alcune donne scoprono di essere affette da sindrome da ovaio policistico quando desiderano una gravidanza ma non riescono a rimanere incinte.

Dalla sindrome dell’ovaio policistico si guarisce?

Attraverso una dieta equilibrata e, nei casi più seri, di cure farmacologiche, questo problema può essere tenuto sotto controllo, ma una completa guarigione è da considerarsi piuttosto rara.

La cosa più importante da fare è adottare uno stile di vita sano e avere sempre attenzione per la prevenzione.

Ovaio policistico: prevenzione e cura

La prevenzione gioca un ruolo molto importante nel trattare l’ovaio policistico, anche per evitare conseguenze future. Per questo motivo, è fondamentale mantenere il normopeso fin da bambini e continuare poi da adolescenti.

Per fare ciò è essenziale:

  1. Fare attività motoria e sportiva;
  2. Seguire una dieta equilibrata;
  3. Avere disciplina ed educazione, non solo dal punto di vista alimentare.

Ricordiamo che le donne con ovaio policistico hanno un rischio di diabete molto più elevato, per questo dovrebbero fare attenzione agli zuccheri e seguire una dieta a basso indice glicemico.

A questa dieta verrà aggiunto un obiettivo di dimagrimento se ci si trova davanti ad una situazione di sovrappeso o obesità.

A parte le attenzioni alimentari, questa sindrome può essere curata e tenuta sotto controllo tramite la riduzione degli androgeni, ovvero:

  • Attraverso la somministrazione farmacologica;
  • Chirurgicamente;
  • Per dimagrimento.

Nel prossimo paragrafo vedremo nel dettaglio cosa deve contenere una dieta per la sindrome da ovaio policistico e quali integratori possono essere utilizzati da chi soffre di questo disturbo.

Curare l’ovaio policistico: dieta e integratori

Come abbiamo anticipato, la dieta per ovaio policistico e in particolare nei casi di insulino- resistenza deve seguire dei principi fondamentali. Tra questi:

  • Dieta ipocalorica che tenda a riequilibrare massa grassa e massa magra;
  • Equilibrio nutrizionale con ripartizione delle calorie;
  • Non eccedere nel consumo di zuccheri semplici;
  • Mai garantire apporti elevati di colesterolo;
  • Mangiare 5 volte al giorno;
  • Garantire le fibre;
  • Vitamine e sali minerali nelle dosi raccomandate.

Ribadiamo l’importanza dell’attività fisica, anche una camminata veloce o una leggera attività aerobica.

Accanto alla dieta e allo sport, un ottimo supporto è rappresentato dagli integratori che hanno lo scopo di aumentare la sensibilità insulinica e normalizzare i livelli di glicemia.

Dal punto di vista nutraceutico, sono stati ritenuti molto validi gli integratori a base di mio- inositolo, coadiuvati da acido alfa- lipoico.

Sul sito di eFarma potrai trovare integratori per tenere sotto controllo l’ovaio policistico. Molti di questi possono aiutarti a mantenere i normali livelli di insulina, dal momento che viene ritenuta una delle principali cause di questo disturbo.

Inoltre, la presenza di vitamine e altri nutrienti, consentirà di garantire l’apporto di sostanze nutritive nel caso di un improvviso aumento del fabbisogno.

Sul nostro sito troverai prodotti selezionati dai migliori brand del settore come Biodue e Italfarmaco.

Consulta il tuo medico per capire quale integratore scegliere e per iniziare a prenderti cura del tuo corpo anche dall’interno.

Prodotti