Il miglior integratore di Echinacea

Usata fin dall’antichità, l’Echinacea è una pianta officinale molto utile per rafforzare il sistema immunitario.

Ancora oggi, il crescente interesse verso questa pianta deriva dal fatto che diversi studi scientifici, ne hanno messo in luce la sua capacità di aumentare e rafforzare l’azione delle difese immunitarie dell’organismo e la resistenza ad infezioni di vario tipo.

Le proprietà curative di questa pianta hanno fatto sì che l’echinacea venga utilizzata sotto forma di integratori per curare malattie da raffreddamento ed influenza, anche nei bambini.

Vediamo, dunque, nello specifico quali sono i benefici dell'echinacea e come è possibile utilizzarla a scopo strettamente curativo.

Tipi di Echinacea: quali sono le varietà più conosciute

L’echinacea è una pianta officinale che appartiene alla famiglia delle Composite. Esistono moltissime varietà di questa pianta (circa 9), che crescono soprattutto nell’America del Nord, ma la le specie più studiate e diffuse sono:

  1. Echinacea purpurea;
  2. Echinacea angustifolia;
  3. Echinacea Pallida.

Diverse dal punto di vista botanico, ma anche per composizione ed azione farmacologica, tutte le suddette varietà vengono utilizzate per le medesime applicazioni terapeutiche.

I principi attivi contenuti nelle loro radici sono, soprattutto, flavonoidi, polifenoli, polisaccaridi, olio essenziale, glicoproteine ad attività immunostimolante e alchilamidi.

Grazie a questi componenti, tutte e tre le varietà di echinacea presentano, chi più chi meno, proprietà antivirali, antibatteriche ed immunostimolanti. Per uso esterno, questa pianta sembra essere utile anche per la cicatrizzazione delle ferite superficiali.

Echinacea: le proprietà curative di questa pianta

L’echinacea è nota per diverse proprietà curative, ovvero:

Ma è soprattutto la sua azione immunostimolante a rendere questa pianta officinale molto impiegata sia in fase di prevenzione, che per contrastare una malattia in atto.

L’echinacea agisce sul sistema immunitario di un organismo, velocizzando la sua risposta agli stimoli esterni e all’aggressione di virus e batteri (funzione immunostimolante) e incrementando la sua capacità di produrre anticorpi e citochine.

Inoltre, è anche molto efficace nel sollecitare il processo di fagocitosi, ovvero quel meccanismo con cui le cellule del nostro sistema immunitario neutralizzano patogeni esterni, come batteri, funghi e virus, ma anche cellule anomale interne, responsabili dei tumori.

Connesse all’azione immunostimolante vi sono quelle: antivirale, che impedisce ai virus di attaccare le cellule sane dell’organismo, antibiotica e batteriostatica, molto efficaci per evitare che i batteri possano replicarsi.

Perché si utilizza l’echinacea?

Grazie alle suddette proprietà, l’echinacea è una pianta che viene impiegata per il trattamento, ma anche per la prevenzione, di diverse sintomatologie e patologie, come:

Il fitocomplesso dell’echinacea, grazie alla sua azione antinfiammatoria, può essere utilizzato anche in caso di malattie artritiche.

Per uso esterno, sotto forma di lozioni, pomate o impacchi, l’echinacea apporta notevoli benefici alla pelle e può essere impiegata per trattare dermatiti, cicatrici, ulcere. Grazie alle sue proprietà dermopurificanti è abbastanza efficace anche come antirughe e per contrastare le odiate smagliature.

L’echinacea sotto forma di tintura madre, applicata direttamente su una zona interessata da scottature, acne opunture di insetti, svolge un’azione antimicotica, disinfettante e cicatrizzante.

Come assumere l’echinacea e possibili controindicazioni

L’Echinacea è largamente utilizzata come rimedio naturale al raffreddore o all’influenza. In particolar modo durante i mesi autunnali ed invernali, quando iniziano a diffondersi i cosiddetti malanni di stagione, l’impiego di prodotti a base di questo fitocomplesso si rivela particolarmente efficace.

In commercio, l’echinacea è disponibile sotto forma di:

  • Succo delle parti aeree;
  • Tintura madre di echinacea;
  • Estratti secchi e tisane (a base di polvere delle radici).

Le modalità di assunzione variano, ovviamente, da prodotto a prodotto. In ogni caso, in caso di patologie manifeste, l’echinacea può essere assunta sin dalle prime manifestazioni dei sintomi e per almeno 10 giorni.

In caso di prevenzione da raffreddore, influenza ed infezioni, è possibile effettuare diversi cicli con prodotti a base di echinacea anche per i bambini. Ad esempio, dopo un primo ciclo di 20-30 giorni, ne possono seguire altri della durata di 15 giorni alternati a 15 giorni di pausa, e questo per qualche mese, soprattutto al ridosso della stagione influenzale.

L’echinacea non assolutamente effetti collaterali ed anche le controindicazioni sono ridotte al minimo. Infatti, l’echinacea è sconsigliata nei bambini sotto i tre anni ed in caso di malattie autoimmuni e neoplasie.

Inoltre, è preferibile evitare l’assunzione di echinacea in gravidanza ed allattamento.

Miglior integratore di Echinacea per le difese immunitarie: quale scegliere?

L’echinacea come integratore alimentare per rafforzare le difese immunitarie è disponibile in diverse formulazioni, in particolare:

  • Capsule;
  • Compresse;
  • Gocce;
  • Opercoli;
  • Sciroppo.

Tutti questi prodotti sono, solitamente a base degli estratti freschi o secchi delle radici di questa pianta.

Se per gli adulti l’assunzione di echinacea in compresse o capsule per rendere più efficienti e forti le difese immunitarie non è un grosso problema, per i più piccoli – che hanno difficoltà nella deglutizione - è preferibile optare per integratori di echinacea in gocce o in sciroppo.

Vuoi rafforzare il tuo sistema immunitario e prepararti all’arrivo dell’influenza e dei malanni di stagione? Sul sito eFarma potrai trovare molti validi integratori a base di echinacea di brand come:

  1.  Aboca;
  2. Body Spring;
  3. Esi.

Previeni gli stati influenzali in modo naturale. Acquista il tuo integratore a base di echinacea e migliora le funzioni immunitarie del tuo organismo.

Prodotti