Migliori prebiotici in farmacia

I migliori prebiotici sono quelli che mantengono in salute la microflora batterica dell’intestino e, in particolare, aiutano la crescita di specie batteriche utili al colon.

Il nostro apparato digerente è ricettacolo di batteri: se ne contano all’incirca 400 e si concentrano in particolare nell’ultimo tratto dell’intestino.

Tra batteri utili alla flora e quelli potenzialmente patogeni sussiste un equilibrio delicato preservato da una mucosa intestinale integra e sana.

La flora batterica, infatti, assume diverse funzioni a protezione del colon e dell’intestino, ovvero:

  1. Favorisce i processi digestivi;
  2. Mantiene sana la mucosa intestinale;
  3. Previene colite, diarrea, costipazione;
  4. Produce alcuni amminoacidi e alcune vitamine;
  5. Favorisce il metabolismo di acidi biliari e bilirubina.

Affinché la microflora sia in salute è necessario adottare i migliori prebiotici in grado di favorire lo sviluppo dei batteri utili al microbioma.

Vediamo insieme quali sono e qual è la differenza tra prebiotici e probiotici. Continua a leggere per scoprirlo.

Quali sono i migliori integratori prebiotici

A differenza dei fermenti lattici che non riescono a scampare agli acidi gastrici, gli integratori prebiotici sono stati studiati per sopravvivere alla digestione e fornire i loro effetti benefici all’intestino.

Abbiamo visto, infatti, che c’è un nesso tra prebiotici e colon irritabile, ovvero dove si concentra la maggior parte dei batteri sia buoni sia patogeni della flora batterica.

Per favorire la crescita di questi batteri benefici abbiamo bisogno dei prebiotici.

Prebiotici: quali sono?

Sono i FOS (frutto-oligosaccaridi) e i GOS (galatto-oligosaccaridi), fibre naturali benefiche che possiamo trovare in diversi alimenti.

Tra i prebiotici, l’inulina è la più conosciuta e offre numerosi effetti positivi a più livelli:

  • Previene e combatte la stitichezza;
  • Aiuta a migliorare la concentrazione e trigliceridi nel sangue;
  • Ha un’azione positiva sulla flora batterica e intestinale.

Perché la flora batterica faccia il suo dovere deve mantenersi sana. Ecco perché utilizziamo sostanze come prebiotici, probiotici e simbiotici: sai qual è la differenza? Scoprilo leggendo il prossimo paragrafo.

Prebiotici e probiotici qual è la differenza

I prebiotici cosa sono e in cosa differiscono dai probiotici? La differenza è davvero molto semplice: i prebiotici sono sostanze di origine naturale che stimolano la crescita dei probiotici, cioè i batteri positivi per la flora intestinale.

Per rafforzare l’ecosistema intestinale è utile assumere prebiotici e probiotici sotto forma di integratori oppure attraverso l’alimentazione. Ecco alcuni cibi dove trovare i prebiotici naturali:

  • In alcuni cereali, quali orzo e avena;
  • Nei legumi, come piselli, fave e fagioli;
  • In alcuni ortaggi come la cipolla, i carciofi, la cicoria e gli asparagi;
  • Nei polimeri complessi del glucosio presente nelle patate, nel riso, nel frumento, nell’amido di mais e nell’avena.

I probiotici naturali, invece, sono latte, yogurt, formaggi stagionati o specifici batteri da ingerire attraverso appositi integratori.

Inoltre, è possibile assumere probiotici con prebiotici insieme. Continua a leggere per sapere quando e perché.

Quando assumere prebiotici e probiotici insieme?

Probiotici e prebiotici insieme danno vita ai simbiotici, cioè integratori in grado di amplificare i loro effetti benefici sulla flora intestinale. I simbiotici naturali offrono diversi benefici:

  1. Migliorano l'intolleranza al lattosio;
  2. Favoriscono l'assorbimento dei minerali;
  3. Normalizzano la funzionalità intestinale;
  4. Proteggono dalle infiammazioni e dalle infezioni nell'intestino;
  5. Prevengono e combattono diarrea e disturbi gastrointestinali.

Date le affinità è facile confondere la natura di prebiotici, probiotici e simbiotiche che, tuttavia, svolgono azioni differenti sull’organismo.

Ecco perché occorre conoscere quale e in che misura assumere tali sostanze. In ciò può essere essenziale l’aiuto del farmacista, che ti può consigliare i migliori integratori simbiotici più adatti a te.

I migliori prebiotici che puoi trovare in farmacia

Prebiotici e probiotici si trovano negli alimenti, ma anche in forma di integratori che puoi reperire facilmente in farmacia.

Tra i migliori probiotici per sgonfiare la pancia ci sono quelli che agiscono in concerto con i prebiotici. L’azione congiunta di queste sostanze benefiche per colon e intestino contrastano i disturbi intestinali.

È possibile contrastare diarrea, stitichezza senso di pienezza e altri sintomi della disbiosi, attraverso una cura di integratori prebiotici, ovvero i GOS o i FOS.

Nel primo caso, infatti, si tratta di carboidrati complessi in forma di amidi che fanno da riserva energetica per l’intero organismo. Stesso ruolo è dato ai GOS, cioè i prebiotici formati da catene corte di molecole di galattosio.

Questi integratori offrono una serie di benefici per l’intero organismo:

  • Promuovono una buona digestione;
  • Hanno proprietà anti-putrefattive;
  • Riducono il PH fecale;
  • Contrastano le malattie infiammatorie intestinali;
  • Prevengono l’insorgere del cancro al colon;
  • Aiutano l’organismo ad assorbire acqua e minerali preziosi, come il calcio e il magnesio.

Hai bisogno di integratori benefici per la flora intestinale? Visita il sito di eFarma e scegli i migliori prebiotici adatti a te, come quelli della linea Enterolactis, Goovi e altri ancora.

Prodotti