Come liberare il naso chiuso? I nostri consigli per liberarti dalla congestione nasale

Con i primi freddi e l’arrivo dell’inverno sono arrivati anche raffreddore e influenza e soprattutto il naso chiuso. Parliamo di quella sensazione fastidiosa, che accompagna talvolta per interi giorni, di avere il naso tappatissimo e non riuscire in nessuna maniera a liberarlo.

Scopriamo insieme le principali cause della congestione nasale, quali sono i sintomi e come liberare il naso chiuso.

Quali sono le principali cause della congestione nasale

A causare il naso chiuso, in genere, sono le patologie che interessano le vie respiratorie. La congestione nasale è in effetti un accumulo di muco nelle cavità nasali, e l’infiammazione delle mucose respiratorie.

Spesso, alla condizione del naso otturato si associa la dilatazione di grosse vene presenti nel naso che rigonfiandosi ostruiscono le piccole cavità e impediscono il normale flusso di aria attraverso le narici.

In genere la congestione nasale dura pochi giorni, ma se così non dovesse essere ti consigliamo di rivolgerti al tuo medico di fiducia per svolgere ulteriori accertamenti.

Vediamo quali sono le principali cause della congestione nasale:

  • influenza;
  • raffreddore;
  • allergie;
  • rinite;
  • sinusite (infiammazione dei seni paranasali)
  • deviazione del setto nasale;
  • inalazione di ingenti quantità di fumo;
  • polipi nasali;
  • gravidanza;
  • ingrossamento delle adenoidi
  • somministrazione eccessiva o prolungata di gocce o spray nasali;
  • reflusso gastroesofageo.

In generale, come già accennato, i sintomi sono passeggeri soprattutto se dovuti alle cosiddette malattie da raffreddamento. Il naso chiuso può invece rivelarsi il sintomo subdolo del reflusso gastroesofageo, ove il reflusso gastrico può avere effetti infiammatori delle mucose respiratorie. Come già detto, nel caso i sintomi fossero prolungati nel tempo occorre consultare un medico, solo individuando la causa sarà possibile applicare i rimedi giusti per il naso chiuso.

Quali sono i sintomi più frequenti della congestione nasale

Fortunatamente i sintomi della congestione nasale sono lievi e durano poco quasi sempre, eppure sanno essere assai fastidiosi.

Soprattutto quando si prolungano durante la notte causando difficoltà respiratoria e disturbando inevitabilmente il riposo.

A causa del mancato riposo tra i sintomi più comuni della congestione nasale abbiamo:

  • stanchezza;
  • irritabilità;
  • senso di malessere generale.

Altri sintomi molto comuni dovuti alla congestione nasale sono:

  • tosse (respirando dalla bocca l’aria non verrà filtrata per cui sarà più semplice introdurre pulviscolo, irritanti, virus);
  • naso che cola;
  • starnuti frequenti;
  • mal di gola;
  • mal di testa;
  • cefalea;
  • dolore al petto;
  • dolore facciale;
  • inappetenza;
  • nausea;
  • febbre.

Nel caso ci fosse una congestione nasale con secrezione contenente pus o sangue, associata a forte dolore al viso e dolori da palpitazione è consigliato rivolgersi immediatamente al medico curante.

Se la congestione è periodica ed è associata a lacrimazione e prurito agli occhi potrebbe essere causata da una reazione allergica, anche in questo caso è consigliato consultare un medico per individuare potenziali cause e allergeni.

Dormire con il naso chiuso: come fare

Una delle fasi in cui è più fastidioso avere il naso otturato è durante il sonno, vediamo cosa si può fare per alleviare i sintomi e garantire un riposo più sereno, prima di tutto consigliamo di areare per bene la stanza dove si dormirà in modo da migliorare la qualità dell’aria e poi:

Occorre umidificare la stanza con vaporizzatori e umidificatori, soprattutto d’inverno con gli impianti di riscaldamento attivati l’aria potrebbe diventare troppo secca;

Provare a dormire con la testata del letto sollevata di almeno 15-20 cm. Aiuterà a drenare i liquidi dai seni paranasali e a limitare i gonfiori nel naso.

Rimedi per il naso chiuso

Se queste piccole accortezze notturne non dovessero bastare, consigliamo di assumere un farmaco capace di svolgere un’azione antipiretica, analgesica e antinfiammatoria come l’Aspirina.

È bene associare al farmaco dei lavaggi nasali con soluzione fisiologica o soluzione ipertonica per pulire a fondo le cavità nasali e poi soffiare il naso con delicatezza evitando di riutilizzare lo stesso fazzoletto più volte.

Tra i rimedi naturali per il naso chiuso elenchiamo:

  1. Bere un buon brodo caldo o una tisana, in modo da garantire la corretta idratazione del corpo;
  2. Ungere con olio tiepido la parte interna delle narici in modo da diminuire la secchezza delle mucose;
  3. Effettuare dei suffumigi con bicarbonato di sodio e fare docce calde, il vapore libererà il naso e donerà un po’ di sollievo.

Ovviamente il rimedio migliore è prevenire la congestione nasale attraverso uno stile di vita sano che aiuta a rafforzare il sistema immunitario evitando fumo e alcolici e mantenendo un’alimentazione sana.

Ecco, dunque, come evitare la congestione nasale o i rimedi per liberare il naso chiuso. Non ti resta che seguire i nostri consigli e prenderti cura di te.

Prodotti consigliati