Ustioni

L'ustione è una lesione più o meno estesa della pelle, e talvolta dei tessuti sottostanti, generata da un agente termico, fisico o chimico. Proprio in base alle cause questo particolare tipo di patologia cutanea può essere classificato in:

  • ustioni da calore: fiamme, liquidi, oggetti o gas ad elevate temperature alterano la struttura e la funzionalità dei tessuti superficiali, fino a provocare morte cellulare, coagulazione delle proteine o carbonizzazione dei tessuti. Anche temperature eccessivamente rigide possono determinare gravi lesioni.
  • ustioni da sostanze chimiche: acidi o basi forti provocano, in genere, gravi lesioni cutanee che, seppur limitate alla zona di contatto, sono piuttosto profonde.
  • ustioni da elettricità: sono causate dal calore generato dalla corrente elettrica durante il suo passaggio nel corpo, tra il punto di ingresso e quello di uscita; si tratta in genere di ustioni apparentemente limitate ma che, nei casi più gravi (elevato voltaggio), possono determinare una necrosi profonda piuttosto estesa.
  • ustioni da agenti radianti: il sole e qualsiasi altra sorgente di raggi UVA o di radiazioni ionizzanti possono determinare ustioni di varia entità.

Ustioni: come classificarle

In relazione alla severità dell’ustione e alla profondità possiamo distinguere:

  • Ustioni di primo grado: interessano soltanto lo strato cutaneo più superficiale, l’epidermide; rientrano in questa tipologia le bruciature lievi le cui manifestazioni non sono particolarmente importanti (lieve arrossamento, dolenzia e bruciore locale; talvolta è presente tumefazione). Queste lesioni guariscono generalmente nel giro di pochi giorni e non lasciano solitamente alcuna conseguenza visibile. Spesso queste ustioni sono causate dal contatto con liquidi la cui temperatura è moderatamente elevata. Anche le scottature solari rientrano in questa categoria;
  • Ustioni di secondo grado: sono lesioni più profonde delle precedenti; interessano infatti anche il derma e sono anche molto dolorose. Sono caratterizzate dalla formazione di filittene, ovvero piccole vesciche piene di un liquido di colore chiaro. Le ustioni di II grado possono essere semplici o profonde. Quelle semplici guariscono in modo spontaneo nel giro di due o tre settimane; dal momento che potrebbero verificarsi alcune complicanze, è opportuno che vengano controllate dal medico curante. Quelle profonde, invece, non guariscono spontaneamente, il processo riparativo richiede circa un mese e hanno esiti cicatriziali di una certa gravità. È quindi opportuno agire molto tempestivamente rimuovendo i tessuti necrotici che dovranno essere sostituiti con degli innesti cutanei;
  • Ustioni di terzo e quarto grado: sono di notevole gravità; le lesioni sono molto profonde e possono interessare, nei casi più gravi, anche le ossa. Se la lesione è provocata da una fiamma o da un oggetto arroventato la necrosi della cute porterà alla formazione di croste secche di colore scuro; se l’insulto termico deriva da un liquido bollente la pelle diventerà molliccia ed estremamente chiara. Nelle lesioni di IV grado c’è una vera e propria carbonizzazione tissutale

Ustioni: rimedi

Nelle ustioni meno gravi (I e II grado) il trattamento è generalmente locale, mettendo in atto tutte le precauzioni atte alla prevenzione di processi di tipo infettivo. Le ustioni di primo grado, in particolare, possono essere trattate con apposite pomate da banco (in genere sono a base di benzocaina o di gentamicina e cortisone). Le ustioni di II grado, invece, sono generalmente caratterizzate dalla presenza di piccole vesciche che non vanno in alcun modo rimosse. Nel caso esse si aprano in modo spontaneo vanno trattate utilizzando garze apposite contenenti principi antibiotici e fasciate senza esercitare alcuna compressione. In caso di ustioni più gravi (III e IV), il soggetto deve essere ricoverato il prima possibile in una struttura sanitaria attrezzata per le emergenze di questo tipo e in cui verranno svolti i primi interventi mirati alla prevenzione o al trattamento delle complicanze. Successivamente una volta terminati i trattamenti a carattere di urgenza si procederà con le terapie locali delle ustioni più gravi. Le zone carbonizzate vengono generalmente trattate con farmaci che aiutano il distacco delle parti necrotiche. Se le zone colpite sono particolarmente estese si deve ricorrere all’escarectomia (anche necrectomia, intervento chirurgico con il quale si asporta il tessuto necrotico). L’intervento chirurgico riduce la probabilità di contrarre infezioni ed evita la formazione di cicatrici retraenti o ipertrofiche.

Quale trattamento consigliamo?

La prima cosa da fare è certamente prevenire in ogni modo qualunque tipo di ustione, evitando le esposizioni eccessive a fonti di calore e rispettando particolare norme di sicurezza. In ogni caso qualora ci fossero ustioni molto gravi è assolutamente necessario chiamare immediatamente il pronto intervento.
Ma vediamo nel dettaglio cosa è importante fare in caso di ustioni:

  • Nelle forme più lievi può essere utile rimuovere tempestivamente i residui di certi materiali sulla pelle al contrario, se il materiale è saldato alla pelle, diventa necessario lasciare intatto lo strato di materiale per impedire che asportandolo si elimini anche la pelle stessa.
  • Immergere immediatamente la zona ustionata nell'acqua fredda per almeno 10-15'.
  • Ricoprire la zona interessata con una garza sterile bagnata. Quelle specifiche per ustioni sono imbevute di prodotti che favoriscono la rigenerazione della pelle.
  • In caso di ustione diffusa alle mani e/o ai piedi, applicare le garze sterili in modo che le dita non si tocchino.
  • In caso di ustione agli occhi, porre delle garze sterili inumidite con acqua fisiologica senza applicare pressione.
  1. Ialuset Plus Garze per Ferite Infette e Ustioni 10x10 cm 10 Pezzi

    Ialuset Plus Garze per Ferite Infette e Ustioni 10x10 cm 10 Pezzi

    Prezzo listino: 13,90 €

    Risparmio 58%

    Prezzo 5,90 € 5.9

    Prodotto Disponibile

In un secondo momento quando l’ustione è stata medicata nella maniera corretta è importante garantire l’idratazione della zona lesionata con prodotti specifici e assicurare un buon livello igienico della ferita, al fine di evitare le infezioni.

  1. ConnettivinaBio Crema Dermatologica Per Ferite ed Ustioni 25 g

    ConnettivinaBio Crema è a base di acido ialuronico e aiuta ferite, ustioni e lesioni cutanee a rigenerarsi in poco tempo.

    Prezzo listino: 12,50 €

    Risparmio 37%

    Prezzo 7,90 € 7.9

    Prodotto Disponibile

  1. Ialuset Plus Crema Ferite Infette e Ustioni 25 g

    Ialuset Plus Crema è una crema a base di acido ialuronico e una componente antibatterica da utilizzare come coadiuvante nella medicazione di ferite, ...

    Prezzo listino: 11,90 €

    Risparmio 42%

    Prezzo 6,88 € 6.88

    Prodotto Disponibile